Russia 2018: cosa c’è da sapere sulla formula del torneo russo

By | novembre 14, 2017

Per ogni appassionato di calcio, i prossimi mesi saranno molto impegnativi dal punto di vista degli appuntamenti: la Champions League terminerà il 26 maggio 2018 con la finale di Kiev, per lasciare poi spazio alla Coppa del Mondo che si giocherà in Russia l’estate prossima, un paio di settimane dopo la fine della Champions.

I Mondiali di calcio tornano finalmente in Europa dopo 12 anni, precisamente in Russia, la nazione più estesa del mondo. Si giocherà in 12 impianti sportivi situati in 11 località della Russia occidentale. Gli stadi ospitanti l’evento sono: lo Stadio moscovita Lužniki, che ospiterà le sfide di avvio e di chiusura dei Mondiali, ma anche la Spartak Arena di Mosca, la Zenit Arena di San Pietroburgo, l’Arena Baltika di Kaliningrad, la Kazan Arena, il Nižnij Novgorod, il Futbol’nyj stadion di Samara, la Volograd Arena, la Mordovija Arena di Saransk, la Rostov Arena, lo Stadio Olimpico Fist di Sochi e lo Stadio Centrale di Ekaterinburg.

La Russia ospiterà la manifestazione calcistica per la prima volta nella sua storia. Si comincia il 14 giugno 2018 a Mosca: 32 squadre si affronteranno inizialmente nella fase a gironi, che prevede la suddivisione delle squadre in otto gruppi da quattro squadre ciascuno. Solamente 16 squadre supereranno la fase a gironi, le prime due di ogni gruppo, ed accederanno alle sfide ad eliminazione diretta, ovvero gli ottavi di finale, i quarti, le semifinali, la finalina per il terzo posto e la finale di Mosca, nella quale si deciderà il club calcistico campione del mondo.

Come vedere i Mondiali dall’Italia

Sarà un mese ricco di gol e di appuntamenti sportivi molto avvincenti, che verranno trasmessi dalle principali emittenti televisive tra cui Sky Italia, Rai e anche Mediaset, con un’offerta che però non è stata ancora definita. Tante informazioni sui Mondiali anche in rete, con siti web che offrono approfondimenti interessanti, ad esempio quello di SNAI, uno storico operatore di scommesse sportive che propone una sezione del sito interamente dedicata ai Mondiali Russia 2018 e non solo. Sul sito di SNAI si può accedere all’area dedicata alle scommesse sui Mondiali, con tante formule innovative come le scommesse Live. Giocare con SNAI conviene sia dal punto di vista dell’offerta, che si attesta come una delle migliori in quanto molto ampia e ricca di sconti, bonus e promozioni, sia per quanto concerne il fattore sicurezza, con la garanzia di un operatore noto nell’ambiente per la sua affidabilità.

Tra le novità interessanti e molto utili per chiunque decida di recarsi in territorio russo per assistere all’evento della prossima estate ricordiamo l’introduzione della Fan ID, detta anche “passaporto del tifoso”.

Cosa è il passaporto del tifoso?

Per semplificare l’ottenimento dei visti di ingresso nel Paese, stanno aprendo in Russia i primi centri di propagazione del Fan ID, detto anche “passaporto del tifoso”, una tessera plastificata contenente i dati identificativi della persona, che va a sostituire il visto di soggiorno in Russia, permettendo inoltre l’accesso allo stadio e lo spostamento gratuito con i mezzi di trasporto locali tra le città che hanno aderito alla manifestazione. L’unica condizione per ottenerlo è l’acquisto di un regolare ticket per uno o più eventi della Coppa del Mondo 2018.

Come sta vivendo il momento la Nazionale di casa?

Con un evento della portata dei Mondiali in casa, la popolazione russa si aspetta molto dalla propria Nazionale di calcio. Eppure, l’organico della formazione sovietica non è eccelso, lo dimostrano le prestazioni passate come negli Europei del 2008, quando la Russia approdò in semifinale per essere poi sconfitta dalla Spagna per 3-0. L’attuale rosa cercherà di non deludere le aspettative, puntando sulle abilità di giocatori come Dzyuba e Kokorin, responsabili del reparto di attacco russo, anche se non sarà facile competere con le superpotenze del calcio internazionale. Ma la Russia potrà fare affidamento anche sul sostegno del pubblico, spesso determinante ai fini del rendimento in campo.

Per il momento, la formazione di casa cercherà di superare la fase a gironi, con la speranza di continuare la corsa verso le sfide ad eliminazione diretta mossi dall’entusiasmo e dal supporto del proprio pubblico.

Tra le altre candidate pronte a lottare per la conquista del titolo troviamo innanzitutto Spagna e Germania, detentrici delle ultime due Coppe del Mondo disputate nel 2010 in Sudafrica e nel 2014 in Brasile. Entrambe le formazioni hanno a disposizione un mix di talenti superlativo, a partire dai talenti spagnoli Piqué, Ramos, Busquets, Iniesta, Silva, Asensio e Isco, capaci di dar vita ad azioni spettacolari che metterebbero in difficoltà chiunque sul campo da gioco, fino all’eccezionale spina dorsale della Nazionale tedesca Neuer-Boateng-Kroos-Muller.

Tra le altre favorite c’è anche la formazione verdeoro, una delle più titolate del mondo, la Francia, che vanta una delle rose più ricche di talenti, il Belgio, con un organico composto da giovani campioni dalle abilità spendibili in ogni zona del campo e l’Inghilterra, che conta tra le sue fila numerosi talenti già affermati nei loro organici.